Visto I

Il visto I è un visto temporaneo per non immigranti ed è pensato per i rappresentanti di media esteri come giornalisti, troupe cinematografiche, editori e ruoli affini. Si può richiedere un visto I sempre e quando si compiano i requisiti dettagliati nell’Immigration and Nationality Act (INA), che sono:

  • Dimostrare di essere un rappresentante, in buona fede, di media stranieri (stampa, radio, cinema o altro mezzo d’informazione) la cui attività è imprescindibile per le funzioni della vostra organizzazione/società di appartenenza
  • Dimostrare di essere adeguatamente qualificato per il visto
  • Recarsi negli Stati Uniti unicamente per esercitare la professione
  • Avere un ufficio in un paese all’estero
  • L’origine e la distribuzione dei finanziamenti devono essere al di fuori degli Stati Uniti ed è richiesto un contratto di lavoro valido.

 

L’attività da svolgere deve essere di tipo informativo e dedicata alla raccolta di notizie e report su eventi di attualità. Alcuni esempi sono:

  • reportage di eventi sportivi;
  • produzione o distribuzione di film informativi;
  • riprese di un evento o documentario;
  • diffusione di informazioni o notizie non destinati principalmente all’intrattenimento commerciale o pubblicitario;
  • giornalisti stranieri che lavorano per una filiale all’estero;
  • rappresentanti accreditati di uffici turistici che si dedicano alla diffusione di informazioni turistiche e che non hanno diritto ad una classificazione A-2 (Diplomatic Visa);
  • Tecnici responsabili di diffondere informazioni industriali.

 

Le richieste per un visto I possono essere presentate in un’Ambasciata o Consolato degli Stati Uniti all’estero, dove il funzionario consolare determinerà se un’attività è qualificante per ottenere un visto per non immigranti.

Per poter richiedere un visto I bisogna compilare una trafila di documenti, oltre ad assistere ad un colloquio nell’Ambasciata o Consolato.

Tra i vari documenti richiesti vi sono:

  • Modulo DS-160 (Online Nonimmigrant Visa Application Form), per viaggi temporanei, è inoltrato per via telematica al Dipartimento di Stato. I funzionari consolari utilizzano le informazioni inviate mediante il DS-160 per elaborare la domanda di visto e il colloquio per valutare l’idoneità di un candidato
  • Una lettera dal datore (con la posizione ricoperta all’interno dell’azienda e una breve descrizione del programma, lo scopo e durata del vostro soggiorno) oppure
  • una copia del contratto con l’Organizzazione per la quale si lavora (con indicazioni del ruolo ricoperto in azienda, la durata del contratto, lo scopo e la durata del vostro soggiorno negli Stati Uniti)
  • ulteriori documenti giustificativi di supporto. I funzionari consolari valuteranno con cura ogni singola richiesta, considerando fattori professionali, sociali e culturali. Valuteranno le vostre intenzioni, la situazione familiare ed i vostri progetti personali e lavorativi a lungo termine.

 

È interessante notare che non vi sono limiti di tempo per questo tipo di visto. Infatti spetta al funzionario consolare presso l’Ambasciata o Consolato degli Stati Uniti a cui vi siete rivolti, decidere la validità del visto. Di solito, si riceve l’autorizzazione a rimanere fino al completamento del progetto o attività lavorativa. Ad ogni modo, i visti I sono di solito rilasciati per un periodo di cinque anni.

Contatta un Avvocato a New York per maggiori informazioni sul Visto I.