L'attesa per la Green Card può essere lunga e frustrante

Posted By Simone Bertollini || 17-Sep-2014

Nel dibattito sull'immigrazione, c'è un ritornello comune da parte di persone che si oppongono a un percorso alla Green Card per gli immigrati illegali: "perché non si possono mettere in fila come tutti gli altri?"

Ma non dite ciò a Yesenia, che ha aspettato 17 anni per la green card.

I percorsi per immigrare legalmente negli Stati Uniti sono molto limitati e si basano su un sistema antiquato, dicono i sostenitori della riforma d'immigrazione.

Tale sistema, dicono, offre solo poche vie per l'immigrazione legale. E quelli che fanno domanda attraverso canali legali, come Yesenia, spesso si trovano in attesa di residenza per un numero straordinario di anni.

Molti trascorrono quegli anni separati dai loro cari, in contraddizione con uno degli obiettivi primari delle leggi d'immigrazione degli Stati Uniti: il ricongiungimento familiare.


Sia i sostenitori che gli oppositori di controlli sull'immigrazione , concordano che c'è bisogno di cambiare le leggi sull'immigrazione in America , spesso complesse e contradditorie.

"Il sistema d'immigrazione non funziona molto bene, e dal mio punto di vista lascia entrare troppe persone", ha dichiarato Mark Krikorian, direttore esecutivo del Center for Immigration Studies, che è favorevole ad un inasprimento del sistema immigratorio negli Stati Uniti.

Ma Yesenia non la vede in questo modo.

Con il Congresso in fase di stallo sulla questione controversa, Yesenia e altri sostenitori della riforma dell'immigrazione hanno posto la loro speranza sul presidente Barack Obama e sulla sua intenzione dichiarata pubblicamente di agire con un ordine esecutivo.

Intervenendo sui clandestini, Obama potrebbe aumentare il numero di Green Card attualmente a disposizione per lavoratori sponsorizzati, in favore di professionisti e altri individui altamente qualificati. Le aziende tecnologiche stanno facendo pressione alla Casa Bianca per innalzare il limite massimo.

Altri sostenitori della riforma stando facendo pressioni sul presidente per affrontare i lunghi tempi di attesa del sistema delle Green Cards ottenute tramite sponsor di un membro familiare, che favorirebbe persone come Yesenia.


Ma con grande disappunto dei sostenitori della riforma, Obama ha detto lo scorso fine settimana che avrebbe aspettato fino al termine delle elezioni di novembre per intraprendere qualsiasi azione.

"Questa è solo l'ultima delle promesse non mantenute dal presidente, e un altro schiaffo al volto della comunità latina e degli immigrati in generale," ha dichiarato Cristina Jimenez dell'organizzazione giovani immigrati " United We Dream".

Per ora, significa che gli immigrati come Yesenia dovranno continuare ad aspettare.

'Ho bisogno di uscire da questo buio'

Yesenia ha sempre tenuto a una credenza: nella vita se fai cose buone, cose buone ti torneranno.

Così quando si sveglia, indossa sempre un bel sorriso sul volto, prima che il sole sorga su Los Angeles, si prepara, sale sul sedile del conducente del bus della scuola e guida per più di 50 miglia al giorno. Non ha perso un solo giorno di lavoro di quest'anno.

A 37 anni, lei è una mamma single che lavora. Lei non è ricca, ma è riuscita a guadagnarsi una vita per se stessa e le sue due figlie. Non ha mai guardato indietro dal giorno in cui i suoi genitori la portarono oltre il confine dal Messico.

Lei aveva 12 anni, la più giovane di nove fratelli. Erano già tutti in questo paese. Suo padre voleva per loro una vita migliore di quella che lui aveva avuto in Messico.

C'è solo una nube scura che incombe su la sua vita. Tutti nella sua famiglia sono diventati cittadini americani o residenti permanenti. Ma Yesenia è ancora in attesa.

Una delle sue sorelle l'ha sponsorizzata per la residenza permanente nel 1997. L'ultimo bollettino del Dipartimento di Stato indica che i messicani sponsorizzati da un fratello con pratiche compilate dal 22 Gennaio 1997, solo ora stanno avendo le loro applicazioni aggiudicate.

Yesenia, che ha chiesto che il suo nome completo fosse taciuto perché clandestina, spera che riceverà presto una chiamata per un colloquio. "Ho aspettato per molto tempo," ha detto. "Ho bisogno di una pausa. Ho bisogno di uscire da questo buio."

Lei è arrivata vicino all'espulsione dagli Stati Uniti, ma il procedimento nei suoi confronti è stato differito ai sensi della legga DACA di Obama del 2012, perché è arrivata in America da bambina, ha vissuto qui per 24 anni, e ora ha due figli che sono cittadine statunitensi.

"Ho molta più pace nella mente ora," ha detto. "Ma è frustrante.

Più di 23 anni di attesa

Ci sono solo pochi modi per diventare residenti permanenti in America. Si può essere sponsorizzati da un datore di lavoro o un membro della famiglia, come un genitore, un coniuge o un fratello con la cittadinanza americana.

Oppure si può entrare nel paese come rifugiati in fuga dalla violenza e persecuzioni, chiedendo asilo politico.

E, infine, si può essere uno dei 50.000 fortunati destinatari di Green Card attraverso una lotteria che si tiene ogni anno.

Ma il sistema, dicono gli esperti in materia di immigrazione, è obsoleto e sopraffatto. Ecco perché persone come Yesenia aspettano così a lungo.

Secondo l'ultimo bollettino del Dipartimento di Stato, un fratello filippino o una sorella di un cittadino degli Stati Uniti avrebbe dovuto inviare la petizione per residenza permanente entro marzo del 1991, per averla aggiudicata solo ora. Più di 23 anni di attesa.

Ogni anno, gli Stati Uniti concedono 226.000 carte verdi tramite sponsor familiare . Il limite per i visti permanenti tramite datore di lavoro è di 140.000. La legge prescrive un limite per-paese pari al 7% del totale.

Categories: Green Card

Contattaci

Hai domande? Compila le informazioni qui sotto per ricevere una risposta immediata.

Invia il tuo messaggio
New York Immigration Attorney

Office Location:

Law Offices of Simone Bertollini
New York Immigration Attorney
450 Seventh Avenue,
Suite 1408,

New York, NY 10123
Telefono Locale: 212.235.1525
Indicazioni [+]

Chiama per una consulenza

212.235.1525

Seguici su:

The information on this website is for general information purposes only. Nothing on this site should be taken as legal advice for any individual case or situation. This information is not intended to create, and receipt or viewing does not constitute, an attorney-client relationship.